Menu

Vitamina D per ossa forti

I bambini piccoli scoprono il mondo e diventano  sempre più attivi. Per uno sviluppo sano nella fase di crescita è molto importante la vitamina D. Insieme al calcio, la vitamina D svolge un ruolo centrale nel metabolismo osseo e favorisce lo sviluppo di ossa sane.

Attuali studi1-3 hanno tuttavia rilevato un apporto insufficiente di vitamina D nei bambini e nei ragazzi in Germania, ad esempio.

 

Vitamina D - La vitamina del sole

La vitamina D è l’unica che il corpo è in grado di produrre da solo attraverso la pelle. Per produrre la vitamina D però la pelle deve essere esposta al sole, da cui deriva anche il nome “vitamina del sole”.

Circa l’80-90% della vitamina D necessaria viene prodotto attraverso la pelle. Solo il 10-20% viene assunto con l’alimentazione.

Proprio in inverno ad alcune latitudini però i raggi UV sono troppo deboli perché la vitamina D possa essere prodotta o prodotta in quantità sufficiente. In aggiunta d’inverno usciamo meno all’aria aperta e siamo molto coperti. Nei bambini piccoli, che anche in estate sono protetti con creme solari ad alto fattore di protezione(> SPF 15), la vitamina D non viene accumulata a sufficienza. Può succedere quindi che con il tempo il livello di vitamina D diminuisca sempre più. Anche negli adulti la vitamina D è importante. L’alimentazione fornisce spesso quantità insufficienti di vitamina D e, come per i bambini, il livello di vitamina D diminuisce in inverno. Secondo la società tedesca  “Deutsche Gesellschaft für Ernährung” – che si occupa di alimentazione e ricerca  - circa il 60% della popolazione non assume abbastanza vitamina D.³

 

Perché la vitamina D è importante?

  • Nell’età della crescita bambini e ragazzi devono costruire molta massa ossea: in nessun altro periodo, infatti, il corpo ne accumula così tanta come nei primi 20 anni di vita. Solo chi sin dall'infanzia si preoccupa di contribuire al proprio sviluppo osseo vivrà poi di rendita anche da adulto.

     

    Per la costruzione di ossa forti sono importanti soprattutto il calcio e la vitamina D. Il calcio è il principale costituente delle ossa. La vitamina D è importante per uno sviluppo normale di ossa e denti. La vitamina D però partecipa ad altri processi metabolici all’interno dell’organismo e influenza anche il sistema immunitario.

     

    Ai lattanti, in aggiunta al latte materno e/o a quello formulato, per profilassi vengono somministrati integratori di vitamina D perché un deficit di tale vitamina in età così precoce e infantile può causare il rischio di rachitismo. Si raccomanda la somministrazione fino alla cosiddetta “seconda estate di vita”.

     

    Anche in seguito però il bambino cresce e costruisce massa ossea. L’idea di dover somministrare un integratore tutti i giorni a un bambino sano per tale periodo di profilassi crea a volte un certo disagio in molti genitori. Per questo motivo spesso si rinuncia alla somministrazione aggiuntiva di vitamina D in età infantile. Tuttavia la vitamina D è essenziale in tutta la fase di crescita.

     

    Siccome spesso gli alimenti vengono accettati meglio dai bambini rispetto agli integratori e visto che il latte è una componente essenziale nell’alimentazione dei bambini piccoli, esiste il latte crescita HiPP che contiene tutti gli ingredienti fondamentali per la crescita.

Le fonti più importanti di vitamina D

  • La vitamina D si assume in due modi. Gran parte viene sintetizzata dalla pelle. La quantità dipende dalla durata e dall’intensità dell’esposizione al sole. Le creme solari, gli abiti che ci coprono gran parte del corpo o la ridotta esposizione al sole nei mesi invernali  riducono al minimo la formazione di vitamina D.

    In aggiunta possono contribuire all’apporto di vitamina D gli alimenti che la contengono. Purtroppo ci sono solo pochi alimenti che contengono quantità sufficienti di vitamina D, tra cui i pesci grassi (aringa, salmone, ecc.). Nel fegato, nel tuorlo d’uovo e in alcuni funghi commestibili il contenuto è  basso. In media assumiamo attraverso l’alimentazione solo 2-4 µg di vitamina D.

    Ecco perché il latte crescita HiPP è arricchito di vitamina D, per contrastare un apporto insufficiente. Già due porzioni di HiPP latte crescita contengono 10 µg di vitamina D.

     

Consigli per ossa forti

Per avere ossa forti è determinante provvedere al loro sviluppo negli anni giovanili, perché in nessun altro periodo il corpo costruisce così tanta massa ossea come nei primi 20 anni di vita. Chi quindi avrà provveduto con regolarità al suo “fabbisogno osseo” ne trarrà profitto per tutta la vita. 

Cosa contribuisce a fare crescere ossa forti?

  • Mangiare e bere alimenti contenenti calcio e vitamina D: latte e latticini forniscono un apporto di calcio pari a quello, ad esempio, di finocchi e broccoli. Il pesce grasso è un’eccellente fonte di vitamina D. Nel primo anno di vita si raccomanda in aggiunta al latte materno o formulato una profilassi mediante assunzione di integratori di vitamina D. Per i bambini in fase di crescita c’è HiPP Combiotic® Latte crescita con calcio e vitamina D per ossa forti.
  • Muoversi e rinforzare i muscoli: una corretta alimentazione non è sufficiente da sola a garantire ossa sane. Un’altra componente essenziale è anche fare molto movimento. Ad esempio già in tenera età tramite la ginnastica i bambini vengono stimolati al movimento e attraverso il gioco rinforzano la muscolatura.
  • Giocare all’aria aperta: l’aria fresca e il sole sono un toccasana per tutti noi. I giochi all’aperto quali rincorrersi, saltellare o giocare a palla in particolare sono molto divertenti per il bambino e favoriscono la salute delle sue ossa. Approfitta dell’occasione per giocare insieme al tuo bambino all’aria aperta: il divertimento sarà doppio! Fai sempre attenzione alla giusta protezione solare.

Fonti:
1. Thierfelder W et al. (2007) Biochemical measures in the German Health Interview and Examination Survey for Children and Adolescents (KiGGS). Bundesgesundheitsblatt Gesundheitsforschung Gesundheitsschutz 50(5-6):757-770.

2. Hower J (2008) Winterlicher Vitamin D-Mangel bei Kindern und Jugendlichen. Eine Praxisstudie aus Mühlheim an der Ruhr (51°N). Kinder- und Jugendarzt 8:552-555.

3. Kersting M (2008) Die Zufuhr von Kalzium und Vitamin D – Ergebnisse der DONALD-Studie. Kinderärztliche Praxis 79:296-299.

4. Deutsche Gesellschaft für Ernährung; Österreichische Gesellschaft für Ernährung; Schweizerische Gesellschaft für Ernährungsforschung, Schweizerische Vereinigung für Ernährung (DACH): Hrsg. Referenzwerte für die Nährstoffzufuhr - Vitamin D. 1. Auflage, 4. korrigierter Nachdruck ed. Frankfurt/M.; 2012.