Impatto climatico positivo

Le nostre creme di cereali HiPP: un contributo positivo al nostro clima.

Da aprile 2022, anche in Italia, le creme di cereali HiPP sono a impatto climatico positivo!

HiPP è il primo produttore di alimenti per l'infanzia al mondo a offrire alimenti che hanno un impatto climatico positivo lungo l'intera filiera: un importante traguardo sulla strada per diventare entro il 2025 un'azienda a impatto climatico positivo.*

Avere un impatto climatico positivo significa questo: HiPP compensa più emissioni di anidride carbonica lungo la filiera di quanto ne generi - dalla produzione di materie prime, imballaggio e spedizione prima, durante e dopo la produzione, nonché ai rivenditori.

Pfaffenhofen an der Ilm, aprile 2021. Con il lancio della prima gamma di alimenti per l'infanzia a impatto climatico positivo, il Gruppo HiPP sta inviando un chiaro segnale per una maggiore protezione del clima. La produzione a impatto climatico positivo è solo il primo passo del piano di attacco globale per la protezione del clima da parte di HiPP. HiPP è il pioniere tedesco dell'agricoltura biologica e degli alimenti per l'infanzia, oltre che uno dei maggiori trasformatori di materie prime biologiche. Con i suoi alimenti a impatto climatico positivo, l'azienda dimostra che una produzione alimentare veramente sostenibile è possibile. La protezione attiva del clima e un approccio rispettoso delle risorse nei confronti della natura sono i pilastri fondamentali della strategia di sostenibilità di HiPP.

“Lanciando gli alimenti HiPP a impatto climatico positivo stiamo facendo un grande passo avanti, restituendo alla Natura più di quanto prendiamo da essa. Dopo dieci anni di successo nella produzione a impatto climatico neutro a Pfaffenhofen, la prima linea HiPP di alimenti a impatto climatico positivo è stata la nuova pietra miliare nella nostra incessante strategia di sostenibilità. Dei 250 milioni di omogeneizzati biologici  prodotti all'anno dal Gruppo HiPP, ad esempio, oltre 136 milioni saranno a impatto climatico positivo, diventando così gli ambasciatori del clima per l'intera azienda. Il passaggio avverrà infatti prima per i seguenti società di distribuzione: Austria, Svizzera, Germania, Italia, Norvegia, Polonia, Svezia. Il nostro logo ‘impatto climatico positivo’ consente ai consumatori di riconoscere facilmente lo speciale valore aggiunto dei nostri alimenti", spiega Stefan Hipp, quarta generazione della famiglia fondatrice dell’azienda.

*I calcoli sono stati effettuati da HiPP sulla base del Greenhouse Gas Protocol – Product Life Cycle Accounting and Reporting Standard. La verifica e la compensazione si basano sullo standard TÜV NORD sui cambiamenti climatici

La missione 2025 di HiPP: un futuro a impatto climatico positivo

In una fase successiva, HiPP mira a rendere a impatto climatico positivo entro il 2025 l'intera azienda, la catena di approvvigionamento e la gamma di prodotti.

“L’impatto climatico neutro non è più sufficiente per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Quindi è giunto il momento di intensificare i nostri sforzi per la protezione del clima. In qualità di produttore di alimenti per l'infanzia, vogliamo avere un impatto climatico pienamente positivo il prima possibile, poiché ci sentiamo particolarmente coinvolti nel mantenere il mondo un luogo in cui vale la pena vivere e che vale la pena amare per le generazioni future. I nostri alimenti HiPP a impatto climatico positivo sono un segnale importante per una maggiore protezione del clima nella produzione alimentare", continua Stefan Hipp.

Avere un impatto climatico positivo significa questo: HiPP compensa più anidride carbonica lungo la filiera di quanto ne generi - dalla produzione di materie prime, imballaggio e spedizione prima, durante e dopo la produzione, nonché ai rivenditori. HiPP ha calcolato tutte le emissioni rilevanti per il clima in relazione ai suoi alimenti a impatto climatico positivo, a partire dai campi fino ai magazzini centrali dei nostri rivenditori, e i risultati sono stati confermati dall’ente certificatore TÜV Nord AG. Sono state registrate tutte le emissioni di anidride carbonica, a partire da quelle generate dai processi di agricoltura biologica, e dalla produzione delle materie prime, passando dalla lavorazione e confezionamento degli alimenti finiti, fino alla catena logistica.

“Entro il 2025 avremo determinato e ridotto l'impronta climatica di tutti i prodotti HiPP e di tutte le aree dell'azienda. Avremo compensato le emissioni rimanenti attraverso progetti di protezione del clima", spiega Stefan Hipp.

Al momento, ad esempio, gli omogenizzati a impatto climatico positivo HiPP Germania compensano il 10% in più di anidride carbonica rispetto a quanto richiesto per raggiungere la neutralità climatica. Con questo 10% HiPP sta dando un messaggio chiaro, ma vogliamo migliorare ulteriormente il nostro tasso negli anni a venire. Per un singolo omogenizzato a impatto climatico positivo già oggi HiPP compensa in media 350g di CO2.

Il metodo HiPP: identificare i potenziali risparmi, evitare le emissioni di anidride carbonica, raggiungere gli obiettivi climatici

Anche quando il cambiamento climatico non era ancora riconosciuto come la più grande sfida del nostro tempo, HiPP si stava già attivando per proteggere il clima. Negli ultimi decenni, l'azienda ha ottenuto grandi risultati passando alle fonti di energia rinnovabile e introducendo misure estese per aumentare l'efficienza energetica, ridurre le emissioni e risparmiare materiale di imballaggio. Di conseguenza, le emissioni di anidride carbonica presso il sito produttivo di Pfaffenhofen sono state ridotte di oltre l'80%. Dal 1995, l'azienda ha rispettato i severi requisiti del sistema di gestione ambientale europeo EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) e da allora ha migliorato la propria impronta ecologica ogni anno. Già dal 2011 la produzione negli stabilimenti HiPP di Pfaffenhofen (Germania) e Gmunden (Austria) ha un impatto climatico neutro. Da allora, tutti gli altri siti dell'UE hanno seguito l'esempio.

“Nel nostro percorso per diventare un'azienda a impatto climatico positivo, è importante identificare ulteriori aree lungo la filiera in cui possiamo risparmiare anidride carbonica. Nei prossimi quattro anni, insieme ai nostri partner dedicheremo i nostri sforzi alla ricerca e alla definizione di nuove soluzioni per evitare il anidride carbonica", Stefan Hipp illustra i piani dell'azienda.

HiPP compensa ampiamente le emissioni inevitabili: i progetti di protezione del clima di HiPP lungo la catena di approvvigionamento, ad esempio, mirano a trattenere a lungo termine diverse migliaia di tonnellate di anidride carbonica nei terreni agricoli attraverso la formazione di humus.

"In questo modo siamo in grado di aumentare la salute e la fertilità del suolo, rendendo i campi più resistenti alle condizioni meteorologiche estreme e preservando la biodiversità", afferma Stefan Hipp, riassumendo la sinergia tra protezione del clima e conservazione della natura.

I progetti di protezione del clima di HiPP: compost per la protezione del clima

La formazione dell'humus gioca un ruolo centrale nella strategia di compensazione di HiPP.

“Ogni manciata di terreno è una piccola meraviglia per il nostro clima. I milioni e milioni di microrganismi che vivono in un suolo sano convertono i residui vegetali in prezioso humus che trattiene il anidride carbonica. Utilizziamo questo principio nei nostri progetti globali di protezione del clima”, dichiara Stefan Hipp.

In Polonia, l'imprenditore e agricoltore gestisce un'azienda agricola modello per il biologico da oltre 15 anni. Lì, il letame bovino viene convertito in prezioso compost. L'idea è semplice e geniale: aerando il cumulo con un rivoltatore di compost, il materiale organico può essere trasformato in humus in otto-dieci settimane in modo controllato. Questo metodo aerobico riduce significativamente anche le emissioni di metano. Stefan Hipp su questo:

“Condividiamo l'esperienza nel sequestro del anidride carbonica nel suolo che abbiamo acquisito dai nostri progetti con i nostri partner e fornitori di materie prime in tutto il mondo. In questo modo, li supportiamo nell'attuazione delle proprie misure di protezione del clima nelle loro aziende. Perché la conservazione della natura locale porta anche alla protezione del clima globale”.

Gli sforzi di HiPP e del suo partner di lunga data Soil & More Impacts nella metropoli sudafricana di Città del Capo dimostrano come 30.000 metri cubi di rifiuti verdi al mese possano essere messi a disposizione sia per l'inverdimento urbano sia per l'agricoltura. Ad oggi, questo progetto ha permesso loro di convertire oltre 10 milioni di metri cubi di rifiuti verdi in terriccio di alta qualità, risparmiando mezzo milione di tonnellate di anidride carbonica. Le istituzioni dell'UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente) hanno già apertamente consigliato questo progetto sostenuto da HiPP come mezzo per compensare le emissioni.

Per ulteriori informazioni, visitare www.soilandmore.com