Menu

Intervista scientifica - Domande frequenti al dermatologo

Risponde la dottoressa Dr. med. Christina Schnopp

della Clinica e del Policlinico di Dermatologia e Allergologia dell’Università (TU) di Monaco di Baviera

Qual è la particolarità della pelle dei neonati? Per la cura e l’igiene della pelle del mio bimbo posso utilizzare anche prodotti convenzionali oppure la cute dei neonati richiede una cura particolare?

I bambini sani hanno fin dalla nascita una pelle relativamente ben sviluppata. Nei primi mesi di vita, tuttavia, l'epidermide e, in particolare, lo strato corneo - che in quanto strato più esterno svolge un'importante funzione barriera - sono più sottili rispetto a quelli dell’adulto1,2. Le cellule della pelle sono più piccole e si dividono più rapidamente2. Inoltre, poiché le ghiandole sudorifere e sebacee non sono ancora completamente sviluppate3, la sudorazione non funziona perfettamente e il tenore lipidico dello strato corneo è più basso2.

Queste differenze strutturali possono aumentare la permeabilità della pelle del bambino. In questo modo la perdita d’acqua transepidermica, quale parametro per la funzione barriera della pelle, varia notevolmente nei bambini durante il primo anno di vita (la pelle è “meno impermeabile”, almeno per un certo periodo di tempo). Lo sviluppo della barriera della pelle dura almeno fino alla fine del 1° anno di vita del bambino.

Rispetto a quella dell'adulto, la pelle del bambino ha la capacità di immagazzinare l’acqua in tempi più brevi e allo stesso tempo di perderla più rapidamente. Una causa di questo fenomeno potrebbe essere la minore presenza di fattori di idratazione naturale negli strati superficiali della pelle durante il primo anno d’età4. Parallelamente al più alto contenuto di acqua negli strati cutanei superficiali, la pelle dei bimbi presenta un (micro) rilievo cutaneo più accentuato, che aumenta il rapporto di superficie della pelle per massa corporea.

Nei primi giorni di vita la pelle del neonato deve adattarsi al passaggio da un ambiente umido a uno secco. Il neonato perde la vernice caseosa, uno strato di grassi e cellule cutanee morte che fungevano da protezione nel grembo materno. A partire dalla seconda settimana il contenuto di acqua dello strato cutaneo superiore aumenta rapidamente.

Il valore del pH della pelle del neonato si attesta intorno alla neutralità (probabilmente per il liquido amniotico leggermente alcalino), diminuisce poi nei primi giorni di vita senza però raggiungere del tutto i valori di un adulto e del suo “manto acido protettivo”5. Il valore del pH più elevato agisce negativamente su diversi enzimi che servono al mantenimento della funzione di barriera, il che può causare irritazioni soprattutto nella zona del pannolino.

Questi fattori sono determinanti per stabilire i requisiti specifici dei prodotti per la cura e l'igiene della pelle dei più piccoli: poiché la pelle è potenzialmente più permeabile ed il rapporto della superficie corporea rispetto al peso è di gran lunga maggiore di quello dell’adulto, è necessario che gli ingredienti di questi prodotti siano assolutamente sicuri. Inoltre si dovrebbe evitare tutto ciò che potrebbe danneggiare la barriera cutanea o la sua maturazione, per es. una modifica del valore del pH o lo scioglimento dei lipidi epidermici.

Le saponette convenzionali (alcaline), per esempio, attaccano i lipidi epidermici e quindi non sono indicate per i bambini

1) Evans NJ, Rutter N. Development of the epidermis in the newborn. Biol       Neonate 1986; 49: 74-80.

2) Stamatas GN, Nikolovski J, Luedtke MA et al. Infant skin microstructure assessed in vivo differs from adult skin in organization and at the cellular level. Pediatr Dermatol 2010; 27: 125-31.

3) Agache P, Blanc D, Barrand C et al. Sebum levels during the first year of life. Br J Dermatol 1980; 103: 643-9.

4) Nikolovski J, Stamatas GN, Kollias N et al. Barrier function and water-holding and transport properties of infant stratum corneum are different from adult and continue to develop through the first year of life. J Invest Dermatol 2008; 128: 1728-36.

5) Stamatas GN, Nikolovski J, Mack MC et al. Infant skin physiology and development during the first years of life: a review of recent findings based on in vivo studies. Int J Cosmet Sci 2011; 33: 17-24.