Menu

Intervista scientifica - Domande frequenti al dermatologo

Risponde la dottoressa Dr. med. Christina Schnopp

della Clinica e del Policlinico di Dermatologia e Allergologia dell’Università (TU) di Monaco di Baviera

Come capire se il bebè ha la pelle secca? Come riconosco la neurodermite? Cosa posso fare?

La secchezza cutanea nei neonati si manifesta spesso sul viso. La pelle è più ruvida al tatto e si desquama. Questo fenomeno può interessare tutto il corpo, anche se più raramente l’area pannolino. Nella primissima infanzia, in genere anche la neurodermite tende a manifestarsi prima sul viso. Molti bambini presentano eczemi (reazioni cutanee infiammatorie, perlopiù rosse, spesso legate a prurito) sulle guance, ma anche in altre parti del corpo (a eccezione della zona del pannolino), che possono essere colpite da secchezza o infiammazione cutanea. Applicare regolarmente una crema e fare il bagno usando prodotti ad azione lipidizzante, come gli oli da bagno (attenzione: la pelle diventa scivolosa e rende difficile la presa del bambino) sono rimedi che aiutano la pelle ad assorbire più umidità e grassi. Si consiglia inoltre di evitare fattori irritanti, quali le fibre di lana a diretto contatto con la pelle, le cuciture e le etichette degli indumenti che sfregano o l’acqua clorurata.

Quando i bambini iniziano a grattarsi, a sfregare o a dormire male, si raccomanda di chiedere il parere del medico per un eventuale trattamento.