Aumento di peso

Molte si chiedono quanti siano i chili permessi e ”normali“. Non è possibile fare affermazioni generali, perché ogni gestazione ha un suo decorso individuale.

L’aumento di peso in gravidanza è individuale

Una donna, che prima della gravidanza è piuttosto magra, può permettersi di prendere qualche chilo in più. Se il suo BMI*, l’indice di massa corporea, è inferiore a 18,5 prima della gravidanza, è auspicabile un aumento di peso di circa 12,5 – 18 chili durante la gestazione.  Con un peso di partenza normale (BMI tra 18,5–24,9) l’aumento di peso dovrebbe oscillare tra gli 11,5 e i 16 kg. Chi invece ha un indice BMI, compreso tra 25,0 e 29,9 nel periodo antecedente l’inizio della gravidanza, dovrebbe far attenzione a non aumentare troppo di peso (ca. 7–11,5 kg).

Ma non esagerare

Chi diventa schiava della bilancia, non fa del bene a sé stessa. Difatti spetterà al ginecologo controllare il tuo peso, in occasione dei controlli di routine, e valutare se esso è compreso in un campo di valori auspicabile. Di solito il fabbisogno calorico aumenta di ca. 250 kcal solo dal 4° mese di gravidanza, mentre il fabbisogno di vitamine e di minerali cresce sin dal primo giorno di gestazione. Pertanto è indispensabile seguire un’alimentazione bilanciata durante tutto il periodo della gravidanza e successivamente anche durante l’allattamento. Per informazioni più dettagliate consulta Maggiore fabbisogno di sostanze nutrienti in gravidanza

Nei primi tre mesi di gravidanza molte donne soffrono di nausea accompagnata da vomito, disturbi che rendono quasi impossibile un aumento di peso e causano addirittura una perdita ponderale in alcune donne.

Nel secondo e terzo trimestre di gestazione, l’aumento di peso oscilla tra i 300 e i 500 grammi a settimana (in base al peso di partenza). Poco prima della nascita il fabbisogno energetico può invece nuovamente diminuire, poiché le possibilità di movimento sono limitate. Ma anche in questo caso vale la regola: l’effettivo fabbisogno energetico varia da gestante a gestante.

Mettersi a dieta in gravidanza è assolutamente vietato!

Un peso elevato prima della gravidanza non significa che devi dimagrire proprio ora, perché il mettersi a dieta potrebbe pregiudicare il corretto apporto di nutrienti al bambino. Inoltre una dieta scorretta, al pari del fumo, scarica nel sangue una quantità di composti tossici che raggiungono anche il tuo bambino.

* BMI = Body Mass Index: è il rapporto tra il peso corporeo e l‘altezza
Calcolo: peso corporeo (in kg) diviso l’altezza al quadrato (m2). Esempio: 60kg : (1,60m)²= 23,4 kg/m² Il BMI di una donna di peso normale è compreso tra 18,5 e 24,9 kg/ m²